Villa Recalcati – Varese – finalissima “Gialli sui laghi” 08 novembre 2015

Diario di un giorno di festa…

Eccoci qui… arrivate a Varese presso Villa Recalcati, costruzione settecentesca di grande prestigio che fu anche un hotel di lusso (Grand Hotel Excelsior), nell’ingresso principale (nostra fotografa personale, la Giuli – che imprecava contro il telefono…):


Una hall splendida ci accoglie nella villa, attuale sede della Provincia e della Prefettura e già siamo emozionate al pensiero di essere ospiti in un luogo che ha visto passare grandi personaggi (Giuseppe Verdi uno di loro):


La sala dove si svolge la premiazione è gremita di pubblico.
Bambi Lazzati presenta il “Premio Chiara – Festival del racconto”, che ospita la presentazione di oggi.

Il Festival del Racconto nasce come naturale evoluzione del Premio Chiara.
Il Premio già da qualche anno ha scelto di essere non solo un evento culturale ma anche di proporsi come produttore di cultura contribuendo a valorizzare il territorio di appartenenza sia sotto il profilo letterario sia sotto quello paesaggistico. In questa ottica ha proposto una manifestazione di più ampio respiro, Il Festival del Racconto, fruibile sia da fasce di lettori già consolidati, che da un pubblico, giovane e non, che si avvicini per la prima volta alla lettura di un testo narrativo.
Il Festival del Racconto perciò, pur nascendo dalla tipologia specifica dei premi letterari, propone eventi legati alle parole della scrittura, della musica, del cinema in una prospettiva di rimandi trasversali orientati ad una fruizione popolare.

L’istituzione della Provincia di Varese è presente nella persona del vicepresidente Giorgio Ginelli.

L’emozione sale tra gli autori finalisti (e relative tifoserie) quando la premiazione del concorso “Gialli sui Laghi” entra nel vivo: dopo la presentazione del progetto ideato e curato da Ambretta Sampietro, il direttore de “Il giallo mondadori” inizia a chiamare i quindici finalisti che ricevono un premio che Ambretta ha studiato per ognuno di loro.
Ne restano cinque: i finalisti definiti “bravissimi tra i bravi”.
Ginocchia che tremano, sguardi curiosi, mani fredde… 

Rossana Girotto, vincitrice lo scorso anno del medesimo concorso, ci emoziona leggendo gli incipit dei quattro racconti in finale.

E arriviamo al podio!
Terzo posto:
Jessica Moro, che riceve anche il premio Ewwa per la migliore scrittura femminile: 



Secondo posto:
Antonella Mecenero, che riceve l’artwork dell’artista Lucio Alberto Maggio:


And the winner is:
Alessandro Marchetti Guasparini, che si aggiudica la pubblicazione su “Il giallo Mondadori” e un quadro del pittore Carlo Conte.


Finalmente si tira il fiato, i giochi sono fatti e la gioia scoppia libera tra i vincitori.
Congratulazioni e strette di mano, e foto finale per la stampa:


Saluti e ringraziamenti per un pomeriggio coinvolgente ed emozionante.

E poi si va a casa.
Ma…
Prima la festa al parcheggio!

Una vera imboscata per Jessica: apriamo il baule della macchina e tiriamo fuori una rosa rossa a stelo lungo, Champagne e bicchieri rigorosamente azzurri. E festeggiamo!
Siamo insieme e questa è la vera magia.
Grazie a: Giada Alessia Lugli, Gas Costa, la piccola Dafne (che quando ha visto Jessica sul palco voleva scappare da lei…), Laura, Rossana Girotto e Giorgio Bogni, Marisa Ferraris, la Giuli. 


Adesso non ci resta che aspettare la pubblicazione dell’antologia, grazie a Morellini Editore.
Stay Tuned…
Please follow and like us:

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *