“Terremoto” di Chiara Barzini – Mondadori

Hunters vi segnaliamo il libro Terremoto di Chiara Barzini, scrittrice italiana che vive in America.

Questo romanzo di formazione è stato scoperto in tempi non sospetti dallo stesso editore di David Foster Wallace, Chuck Palahniuk e Bret Easton Ellis. È il punto di vista di una ragazzina italiana trapiantata a Hollywood dalla sua famiglia durante gli scontri razziali del ’92. Uno sguardo crudo verso un paese pieno di violenza e una società americana che rispecchia molto quella del Trump di oggi. Come si fa a mantenere un modello di famiglia italiana compatto anche quando la terra attorno trema? 

Scelto da Amazon come libro del mese a Agosto
Il New York Times lo nomina libro da leggere per l’estate 2017, definendolo “viscerale e culturalmente astuto” e segnalando la Barzini come scrittrice da tenere vivamente d’occhio. Esquire Magazine lo ha appena messo al primo posto nella classifica dei libri del 2017 usciti finora, definendolo “ipnotizzante e audace”. 
La BBC trova il romanzo “sofisticato e trasgressivo”. 
Elle Magazine lo definisce cinematografico, sexy e sporco e lo consiglia agli appassionati di Elena Ferrante. 
In un’intervista con l’autrice, il Vogue americano di Anna Wintour trova il libro “scritto con una prosa travolgente. Una visione indomita della sessualità adolescenziale accompagnata da dialoghi molto potenti.” 
E il Los Angeles Times lo considera un libro da non perdere e celebra la Barzini come acuta osservatrice culturale.

“Ci fu un silenzio e poi un alito caldo e costante contro la schiena, un vento forte e secco che soffiava dal deserto spingendomi verso la città e il suo oceano. Mi toccava, muovendosi in tante direzioni contemporaneamente, sfiorandomi le tempie. Avevo già sentito quella brezza, avevo visto quella luce e sapevo cos’era: il luminoso invisibile. Questa volta feci come aveva detto Max. Non cercai di afferrarlo, non mi concentrai né provai a capirlo. Lo lasciai splendere.” 


Ecco poche righe che contengono tutte le parole del romanzo di Eugenia: cielo, luce, vento, città, oceano, splendore. Mancano però le parole amore, rabbia, terremoto che costelleranno le avventure della nostra imprevedibile protagonista. Eugenia si catapulta, adolescente romana con la sua famiglia “che non fa mai le cose come si deve”, in una zona decisamente ruvida di Los Angeles, agli inizi degli anni ’90. Attraverso i suoi occhi stupefatti vediamo accumularsi l’amore, la droga e gli eccessi, le amicizie travolgenti e delicate, l’affiorare di una coscienza politica. E poi Los Angeles con una natura selvaggia che affiora dai marciapiedi, dalla terra che trema, dispersa e fluttuante in un disordine alieno di strade e persone. E come un rombo di un aereo intercontinentale lontano nel cielo, la coscienza di Eugenia, con il suo linguaggio emotivo e psichico unici, agisce e sgretola impietosamente il falso mito di un’America idealizzata, dove tutto è in vendita. 

Il primo ad accorgersi di questo libro è stato Gerry Howard, l’editore americano di David Forster Wallace: il primo a capirne la potenza innovativa definendolo “meravigliosamente vibrante”, il primo che ha visto in questa storia il talento e l’accuratezza, la regola ferrea di un lavoro durato cinque anni. Un libro che l’autrice ha scritto prima in inglese e poi tradotto in italiano. Un’ispirazione severamente coltivata dunque, come un debutto deve essere.

Titolo: Terremoto

Autore: Chiara Barzini
Editore: Mondadori
Pagine: 332
Prezzo di copertina: € 19,00 – ebook € 9,99
Uscita: 26 settembre 2017
ISBN-13: 978-8804675327

Chiara Barzini è una scrittrice e sceneggiatrice italiana di 38 anni. Ha vissuto e studiato negli Stati Uniti. Si è laureata in Letteratura e scrittura creativa alla UCSC. Ha collaborato con varie riviste tra cui “Vogue”, “The Village Voice”, “Interview Magazine”, “Harper’s” e “Rolling Stone”, e in Italia “la Repubblica XL”, “Vanity Fair”, “GQ” e “Rolling Stone Italia”. Terremoto è stato pubblicato nel mese di agosto in America, dall’editore Doubleday.


Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi