“Noi siamo tutto”: dal libro al film

Nelle nostre sale cinematografiche è uscito lo scorso 21 settembre.
Noi Books Hunters lo abbiamo noleggiato per una serata in compagnia la settimana scorsa.
Ovviamente dopo aver letto il libro, che ci era piaciuto molto, avevamo grandi aspettative per questa storia particolare, di libertà impossibile, di mare immaginato, di vetri a far da muro.

Maddy, (l’attrice l’abbiamo già vista in Hunger Games, ricordate?) protagonista insieme a Olly, mostra perfettamente cosa NON si può sentire quando per una malattia, si è costretti a vivere chiusi in casa, quando manca il contatto con la realtà: i suoni, gli odori, le sensazioni che essa suscita, il sentirsi smarriti e insieme ritrovati, quando la si vive appieno.
Maddy con le sue movenze e i suoi sguardi, riesce a mostrarci l’esplosione di un amore: come scava e costruisce, come ragiona, come a volte sappia essere irrazionale, lasciando dietro a sé paura e sgomento, porte aperte alle spalle, “libertà di ammalarsi”, causando dolore a chi la protegge da sempre, cercando di non “perdere” ancora.

“Noi siamo tutto”, non delude nemmeno come pellicola. Anzi, con quel finale spiazza e lascia attoniti: la forza del perdono cede, di fronte a un amore quasi perso.
Articoli correlati:
Vi consigliamo di leggere il libro e vedere il film che merita una delle vostre serate.
Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi