Recensione “Il tempo dentro di noi” di Stefano Galardini

C’è un tempo che scorre,
dentro e fuori di noi.
Crescere è conoscere, è affinare i sensi, è toccare con mano le necessità della vita, abbracciare i limiti e acconsentire alle perdite. Ogni passo ci rimette in linea con il mondo, ogni caduta ci sconquassa. Crescere è guardarsi allo specchio alla ricerca di una nuova imperfezione, ma anche osservare meglio chi ci sta intorno. Riconoscere che nel bene o nel male, scegliamo sempre noi che direzione prendere e che il passato ci resta sempre dietro, anche se di un solo passo, mentre il futuro non è mai troppo vicino. Perché se pensiamo di sapere tutto di chi ci sta accanto, siamo solo illusi. Non possiamo pretenderlo, in fondo non conosciamo nemmeno noi stessi.
Luca e Lidia ne sanno qualcosa di crescere insieme. Lo sanno in quel modo inconsapevole del tempo che scorre, degli anni che passano depositandosi sulla pelle. Sono amici dalle scuole superiori, inaspettatamente amici. Lui fatalista, lei alla ricerca di un futuro da prendere senza riserve. Luca che fa lunghi monologhi pur parlando con lei, cercando il senso delle cose, ponendosi mille domande. Lidia che ascolta e poi spezza quell’incedere di lui, con spezzoni di realtà, bagliori di vero che tanto si frappongono al modo di ragionare per iperboli di Luca. Sono amici, si capiscono, hanno provato ad andare oltre, non ha funzionato. Allora esiste l’amicizia fra uomo e donna? Forse per loro sì. Anche se forse è meglio dire che succede.
 
Passando per una vita, anzi due, questo romanzo ci pone molti interrogativi. Luca e Lidia crescono insieme, sì, ma ognuno per conto proprio si scontrano anche con la loro vita, quella da fidanzati, da sposati, lui anche da padre. C’è un momento in cui si chiedono se non sia tutto un errore cercare l’amore altrove, ma lo fanno. Forse hanno sbagliato. Chissà, ma intanto non si sono mai persi nonostante tutto. Lei parte, sta via anni, poi torna e Luca è sempre lì, cambiato, invecchiato, modificato dagli eventi. Lui rimane in Italia, si sposa, sta per separarsi, poi nasce una bambina. Cos’è giusto e cosa è sbagliato? Quando Luca e Lidia hanno iniziato ad avere paura? Con l’incedere glorioso della vecchiaia? Quando le scale per lei erano più difficili da fare o quando il respiro di lui non era più lo stesso? Forse la vecchiaia, la vera paura la fa quando temi di restare solo.
Questo libro racconta la vita intera di due persone, mostrandocela in relazione l’uno dell’altra per quasi tutta la narrazione, con poche interruzioni da parte di altri personaggi: mariti, mogli, figli. Poche. L’autore ha costruito l’interazione umana e sincera fra due ragazzi, poi adulti, infine vecchi. Li ha trasformati, resi uomo e donna e poi li ha piegati nel finire della vita. Gli ha dato certezze e una quantità normalissima di incertezze.
Con una scrittura forse ancora un po’ da definire, ma comunque intenta a raccontarci le immagini che scorrono nella sua fantasia, l’autore decide di crescere due personaggi. Penso lo abbia fatto in maniera reale, senza raccontarci frottole, ammettendo paure e qualche dubbio. Una buona lettura, una scrittura che deve ancora rendersi unica a se stessa e mettersi alla prova, magari con storie che lascino più spazio ad altri personaggi, che creino situazioni che diano uno scossone maggiore al lettore, che lo colgano di sorpresa. Stefano Galardini, mi sembra essere un buon osservatore di persone, questo, un fattore essenziale per chi inizia questa grande avventura che è la scrittura.
(la Books Hunter Jessica)

Titolo: Il tempo dentro di noi / Autore: Stefano Galardini
Editore: Edizioni Convalle / Genere: Narrativa
Uscita: 30 settembre 2017 / Pagine: 233
Prezzo (cartaceo): € 13,50 / ISBN: 9788885434066
 
Il libro:
Il mio romanzo d’esordio, “Il Tempo Dentro di Noi”, pubblicato con Edizioni Convalle, nasce per scommessa, una di quelle frasi buttate quasi per caso: “non si può descrivere l’amicizia tra un uomo e una donna, ammesso che sia una amicizia possibile”. 
Ed ecco come sono nati Luca e Lidia, i due protagonisti. Questa loro amicizia è il fulcro di tutta la narrazione, è come il segno di interpunzione che dà ritmo agli episodi del romanzo (ogni capitolo, una data, un evento) nello scorrere di gioie e disperazioni, errori, ri-partenze, matrimoni giusti e sbagliati, figli che nascono e persone che muoiono. Tratta di grandi quesiti quotidiani, con semplicità, guardandosi dentro e attorno. Come ciascuno di noi fa e farà sempre.
L’autore:

Stefano Galardini vive tra Genova e Monza. Condivide casa con Niky, gatto da un occhio solo. Sul suo comodino ci sono 90 libri in attesa di essere letti, ma continua comunque imperterrito a comprarne. Ama la musica, meglio se in vinile, a scelta tra rock e rock, con brevi puntate sul blues. Nella vita di ogni giorno si occupa delle persone, lavorando come Operatore Socio Sanitario nel sociale. Ha 32 anni e Il tempo dentro di noi è il suo romanzo d’esordio.
Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

  1. Una recensione che mi ha lasciato a bocca aperta per la profondità con cui il romanzo è stato letto e analizzato. È esattamente ciò che scriverei de "Il tempo dentro di noi" se non l'avessi scritto e dovessi recensirlo. Applausi e inchino a Jessica e Barbara del Books Hunters Blog e mille volte grazie.
    Una bellissima recensione, di cui condivido in pieno l'esposizione dei pregi e dei difetti del libro!!!
    Stefano Galardini (Facebook)

Rispondi