Bancarella Sport 2018: l’imperdibile storia del campione del Motomondiale: “65 La mia vita senza paura” di Loris Capirossi e Simone Sarasso

Il mitico 65 del Motomondiale è di nuovo sul gradino più alto del podio: è la storia di Loris Capirossi, raccontata da Simone Sarasso, ad aggiudicarsi il primo posto della 55esima edizione del Premio Bancarella Sport.
“65 La mia vita senza paura” di Loris Capirossi e Simone Sarasso – Premio Bancarella Sport 2018
La vita di Loris Capirossi comincia in mezzo alla polvere e alle colline romagnole: Borgo Rivola ha cinquecento anime e ci si arriva per strade che a vederle sono tutto un programma. Curve cieche e saliscendi, asfalto da piega e pochi rettilinei, ma l’odore del gas lo senti subito. È il 1990: un ragazzino di diciassette anni – al suo esordio nel Motomondiale classe 125 – è campione del mondo in sella a una Honda. Il più giovane di sempre. L’anno seguente – prima ancora di avere l’età per prendere la patente – si può fregiare del secondo titolo iridato. E non sarà l’ultimo. È così che ha inizio la leggenda: una storia di gloria, sudore e ossa rotte. Di lacrime, sorrisi e nessun rimpianto: i sacrifici di babbo Giordano e mamma Patrizia, che ipotecano la casa per scommettere sul giovane mago delle due ruote, i viaggi in furgone verso i circuiti europei e i primi aerei della vita, a solcar l’oceano; i primi amori, le sfide con amici e avversari, le scelte tormentate e gli occhi pieni di gioia sulla linea del traguardo. 328 gare, 3 titoli mondiali, 29 vittorie, 99 podi. Una carriera lunga un quarto di secolo e milioni di chilometri percorsi. 65 – La mia vita senza paura è il racconto di un talento verace e selvaggio: una poderosa cavalcata nella vita di Capirex, mito delle due ruote, e di Loris, campione di umanità e coraggio, innamoratissimo marito di Ingrid, papà orgoglioso di Riccardo e oggi – dopo aver salutato i tifosi in sella a una Ducati con il numero 58 in onore del compianto amico Marco Simoncelli – rappresentante Dorna in Direzione Gara nel Motomondiale.

Titolo: 65 La mia vita senza paura
Autore: Loris Capirossi, Simone Sarasso
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 396
Prezzo di copertina: € 18,50 – ebook € 9,99
Uscita: 4 aprile 2017
ISBN: 9788820061678
Simone Sarasso, scrive storie nere per la narrativa, i fumetti, il cinema e la TV. Vive a Novara, e nel (poco) tempo libero fa l’educatore in una scuola elementare. 
Ha pubblicato racconti in diverse antologie e collabora con alcune riviste («Carmilla», «Milano Nera Web Press», «Satisfiction», «Hot»). 
Settanta è il secondo capitolo di una trilogia noir sui misteri e le trame della Storia d’Italia dal dopoguerra a Tangentopoli. Il primo volume, Confine di Stato (2007, finalista al Premio Scerbanenco-La Stampa 2007), è edito da Marsilio. È autore dei best seller Invictus – Costantino l’imperatore guerriero (Rizzoli, 2012), Colosseum – Arena di sangue (Rizzoli, 2012), Aeneas – La nascita di un eroe (Rizzoli, 2015), Il paese che amo (Marsilio, 2013) e Da dove vengo io (Marsilio, 2016). Insieme a Capirossi ha firmato l’autobiografia del tre volte campione del mondo di motociclismo 65 La mia vita senza paura (Sperling & Kupfer, 2017). Per Marsilio ha pubblicato la trilogia Cent’anni: La cattiva strada, Sul sangue ci puoi contare, La mano del morto.
(Fonte: IBS)

In gara per il titolo, altri 5 finalisti:
L’eroe che è in te, Claudio Marcello CostaFUCINA
Non so parlare sottovoce, Aldo AgroppiCAIRO EDITORE
L’ultimo stopper, Sergio Brio e Luigia CasertanoGRAUS 
Arpad Weisz e il littorale, Matteo MatteucciMINERVA 
Muhammad Ali, Federico Buffa e Elena CatozziRIZZOLI 

Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi