“Consigli a me stesso – I miei 2 centesimi”: il libro che J-AX avrebbe voluto leggere, scritto da J-AX

J-AX, dopo Axforismi (2014) e Imperfetta forma (2016), torna a dedicarsi alla scrittura.

Da pochi giorni è il libreria il suo nuovo libro, un libro che, come lo stesso J-AX afferma, avrebbe voluto leggere a vent’anni. Vi presentiamo “Consigli a me stesso – I miei 2 centesimi”.

J-AX

Titolo: Consigli a me stesso – I miei due centesimi
Autore: J-AX
Editore: Mondadori
Genere: Narrativa
Cartaceo: € 16,90 / Ebook: € 9,99
Pagine: 112
Uscita: 27 novembre 2018

Perdona e non provare rancore, ascolta chi ti dice come devi vivere ma poi ignoralo, la cosa migliore dell’invecchiare è capire le cazzate che hai fatto e non rifaresti mai, il tuo orgoglio cercherà sempre di rovinare tutto, ogni storia d’amore sbagliata ti avvicina a quella giusta…

Ai ventenni di oggi, per molti dei quali è un mito, J-Ax strizza un occhio complice dandogli i consigli che avrebbe voluto ricevere lui a vent’anni, e che gli avrebbero risparmiato molte delusioni, errori e frustrazioni. Tutte cose che a quell’età sono inevitabili, sia chiaro. Ma che forse si affrontano meglio con le parole di un amico che ha fatto le sue esperienze, senza mai perdere il gusto della ribellione.

Il bullismo, il successo, il fallimento, la fiducia in se stessi Tutte materie che J-Ax ha imparato molto bene, e sulla sua pelle: per questo la sua voce è così ascoltata. Da tutto ciò nasce questo libro di oneste e a volte folgoranti riflessioni, in parte inedite, in parte postate nella seguitissima rubrica web “I miei 2 centesimi”: dalla voglia di condividere le sue opinioni sulla vita, sulla politica, sull’attualità. E dal tentativo di cercare, con i mezzi a sua disposizione cioè le parole, di migliorare il sistema in cui viviamo partendo da noi stessi.

J-AX

J-AX (Alessandro Aleotti) è nato a Milano il 5 agosto 1972. Un vero precursore capace di anticipare i tempi restando costantemente in prima linea, partendo dal rap, passando per il rap’n’roll, fino a diventare punto di riferimento della scena pop musicale italiana, con lo stile inedito e rivoluzionario che da sempre lo contraddistingue.

Ti potrebbe interessare anche “Se non sbagli non sai che ti perdi” di Mara Maionchi e Rudy Zerbi

Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi