Recensione “Olga di Carta – Misteriosa” di Elisabetta Gnone

 

Diventare grandi,
non significa rinunciare alla fantasia.

Crescere spesso significa scordarsi di tutto quel mondo che ci eravamo creati da piccoli. Spesso ci vergogniamo a dire di aver avuto un amico immaginario, o di aver amato personaggi inesistenti.
Fantasia, che da piccoli ci accompagna giorno dopo giorno e colora ogni più piccolo anfratto delle nostre giornate, spesso da grandi ci lascia in favore di Realtà. Ed ecco allora che iniziano a comparire i limiti, quelli che da piccoli sono cancellabili con una gomma.

Tornano le storie di Olga di Carta, e noi che siamo lettrici affezionate della saga, non potevamo che esserne felici. Dopo “Il viaggio straordinario”, il primo capitolo, dedicato alla capacità di mettersi alla prova, alle imperfezioni che delineano chi siamo rendendoci unici e “Jum fatto di buio”, un delicato percorso dentro di noi, con la nostra parte buia che tenta di prendere il sopravvento quando ci manca qualcuno, quando lo perdiamo, arriva il terzo capitolo: “Misteriosa”.

Quante volte vorremmo far parte delle avventure che leggiamo sui libri. Essere chi non siamo, vivere in posti straordinari, ammirare panorami dai colori strabilianti. Quante volte vorremmo fuggire da una realtà troppo dura per essere sopportata.
Misteriosa può farlo. Può fuggire dalla realtà “saltando” dentro a un quadro, può tuffarsi nei suoi colori, toccarne le profondità ed emozionarsi da dentro. Disegni, mappe, immagini. Tutto è senza limiti per lei. Ogni lettore vorrebbe poter “saltare” come fa Misteriosa, che grazie a questo riesce a imparare un sacco di cose del mondo, che spesso gli adulti invece, nella realtà, raccontano a misura di adulto, non di bambino, rendendolo troppo complicato da capire.
Misteriosa a sua volta è un personaggio, o chissà… Comunque fa parte di una delle tante storie di Olga Papel, detta Olga di Carta, perché sottilissima come un foglio di carta. Una ragazzina sorprendente, capace di attirare orecchie e attenzione solo iniziando a raccontare una delle sue bellissime storie.
Olga e i suoi amici, in questa nuova avventura avranno a che fare con vecchi e nuovi personaggi e, come sempre, vivranno a loro volta un’avventura, che questa volta metterà tutti a dura prova.

Elisabetta Gnone non smette di stupirmi. Racconta con una fantasia colorata e libera da ogni contaminazione da “adulto”, le sue storie in cui mette tracce di verità profonda. Ci ricorda attraverso i suoi bellissimi personaggi a non lasciare mai indietro quella parte di noi che ci colora la vita: la fantasia. Colei che non ci fa avere limiti, che ci rende coraggiosi e ci mostra nuove angolazioni di noi stessi e del mondo. Misteriosa parla a noi adulti, ci mostra quanto anche i più piccoli possano aver paura di crescere e di diventare così responsabili di un mondo che spesso è duro e difficile. Fa riflettere su quanto noi grandi corriamo; sul nostro modo di parlare ai più piccoli senza tener conto… che sono piccoli.
L’autrice non dimentica di circondare i suoi personaggi dell’amore di animali e di insegnare a noi lettori quello per essi e  per la natura.
Ogni libro della serie “Olga di Carta” custodisce grandi verità e innumerevoli modi di usare la nostra fantasia. Il segreto è non perdere mai di vista da dove siamo entrati e da dove dobbiamo uscire.
(La Books Hunter Jessica)

Olga di Carta 3 – Misteriosa

Titolo: Olga di carta 3 – Misteriosa
Autrice: Elisabetta Gnone
Editore: Salani Editore
Genere: Narrativa per bambini e ragazzi
Cartaceo: € 14,90
Pagine: 192
Uscita: 29 ottobre 2018

Olga di carta – Misteriosa, Elisabetta Gnone – Books Hunters Blog photo

Cosa significa diventare grandi? E come si fa? «Crescere è€ una faccenda complicata» direbbe il professor Debrì€s, e Olga lo sa bene: per rassicurare una giovane amica, che di crescere non vuole sentire parlare, le racconta la storia di una bambina a cui i vestiti stavano sempre troppo grandi, anche se l’etichetta riportava la sua età, o la sua taglia, e che saltava nei disegni per fuggire dalla realtà.
La storia di Misteriosa è la storia di chi fatica a trovare il proprio posto nel mondo, fugge da responsabilità e doveri, incapace di assumersene il carico, e combatte strenuamente per restare fanciullo. È anche, però€, la storia di una bambina che non si arrende. Una storia che farà ridere, pensare e spalancare gli occhi per lo stupore; e che rassicurerà Olga, i suoi amici e i lettori di tutte le età su un punto, che è€ certo: per diventare splendidi adulti occorre restare un po’ bambini.

Elisabetta Gnone – Biografia

Elisabetta Gnone è nata a Genova e vive sulle colline del Monferrato.
È stata direttore responsabile delle riviste femminili e prescolari della Walt Disney, per la quale ha ideato la serie a fumetti W.I.T.C.H. È autrice della fortunatissima saga di Fairy Oak, e ora, con la nuova serie Olga di carta, porta ai lettori un nuovo, delicatissimo mondo in cui, con garbo e ironia, affronta i temi delle fragilità e delle imperfezioni che ci rendono umani.
Per i lettori di tutte le età.

Please follow and like us:

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *