“A bocca chiusa”, libro di Stefano Bonazzi, ci racconta la genesi di un assassinio

Stefano Bonazzi ripropone “A bocca chiusa” suo romanzo d’esordio, pubblicato per la prima volta nel 2014.

Stefano Bonazzi, nel suo libro racconta la genesi di un assassino. Un viaggio allucinato tra i deliri del protagonista, che partendo da un’infanzia di violenze e privazioni sfocia in un finale tragico e surreale.

“L’opera ammirevole di un genio“.

Giampaolo Serino, Satisfiction
A bocca chiusa, libro

Titolo: A bocca chiusa
Autore: Stefano Bonazzi
Editore: Fernandel
Genere: narrativa
Cartaceo: € 15,00 / Ebook: € 6,49
Pagine: 256
Uscita: 24 gennaio 2019

L’afa d’agosto è insopportabile, soprattutto quando hai dieci anni e sei costretto a startene chiuso in casa con il nonno, una belva in gabbia la cui violenza trova sfogo su di te. E se non puoi frequentare gli altri bambini, anche tu diventi un animale solitario, destinato a crescere somigliando ogni giorno di più al tuo aguzzino.

Così finisci per accogliere il seme del male. Lo covi per anni, lo senti germogliare, finché non spunta il desiderio di vendetta. Ma se la persona che ti ha allevato, trattandoti come una bestia, ora è morta, devi scegliere qualcun altro su cui sfogare la tua rabbia…

Credo che la morte abbia le sembianze di un signore distinto. Abiti scuri, scarpe lucide. Con i capelli bianchi come la neve, il viso pulito, senza barba né baffi. Me lo immagino camminare per le strade con un branco di cani neri al guinzaglio. Sono scuri come pantere, con le orecchie basse, sempre furiosi. Non fanno altro che sbavare e urtarsi tra loro per stare in testa al branco. Sono affamati e ringhiano contro chiunque passi loro vicino. Il signore distinto ce la mette tutta per tenerli al guinzaglio, ma ogni tanto uno gli scappa e la bestia si fionda indemoniata verso il primo disgraziato che incontra sul suo cammino. Gli salta addosso e gli strappa via l’anima a morsi. È così che muoiono le persone.

Stefano Bonazzi - autore
Stefano Bonazzi

Stefano Bonazzi è nato a Ferrara, dove vive e lavora. Di professione grafico pubblicitario, realizza composizioni e fotografie ispirate al mondo dell’arte surrealista. Le sue opere sono state esposte, oltre che in Italia, a Londra, Zhengzhou, Miami, Seul e Monaco. A bocca chiusa è il suo romanzo d’esordio, uscito nel 2014 con Newton Compton; nel 2017 ha pubblicato per Fernandel il romanzo L’abbandonatrice, molto apprezzato dal pubblico e dalla critica.
http://www.stefanobonazzi.it/

Potrebbe interessarti anche “Pasta fatta in casa – Sfoglie di racconti tirate a mano” di Luca Murano.

Please follow and like us:
Tweet 187

Rispondi