“Il castello di Ipanema” è il nuovo libro di Martha Batalha, autrice del libro La vita invisibile di Eurídice Gusmão, appena uscito al cinema

Martha Batalha torna in libreria con un nuovo intenso libro: “Il castello di Ipanema”.

Martha Batalha il cui libro “La vita invisibile di Eurídice Gusmão” è approdato al cinema il 12 settembre 2019, scrive una nuova storia ambientata a Rio de Janeiro, nel 1904.

Il castello di Ipanema, libro

Titolo: Il castello di Ipanema
Autrice: Martha Batalha
Editore: Feltrinelli
Genere: Narrativa
Cartaceo: € 16,50
Pagine: 272
Uscita: 12 settembre 2019

Rio de Janeiro, 1904. Johan Edward Jansson sbarca in Brasile in qualità di nuovo console svedese. Lui e la moglie Brigitta scelgono come domicilio una piccola stazione balneare lontana dal centro, che si affaccia sull’oceano con una lunga spiaggia bianca e immacolata.

Innamorato di quel luogo, Johan decide di far costruire un castello per la sua famiglia, e così ha inizio il mito di quella che diventerà una delle destinazioni turistiche più apprezzate al mondo, sinonimo di bellezza, esotismo ed eccessi: Ipanema.

Poco più di sessant’anni dopo, tutto è cambiato a Rio: le feste leggendarie, la moda, la fortuna dei Jansson e la mentalità delle nuove generazioni.
Da Brigitta, perseguitata da “voci” nella testa, alla ricca e viziata Laura Alvim, che sogna di fare l’attrice, al padre Álvaro, un medico rimasto vittima dei suoi stessi esperimenti scientifici, la parabola della famiglia Jansson e di chi le gravita intorno rispecchia le trasformazioni dell’intero paese: le dinamiche di ascesa sociale, gli ideali femminili e femministi, la reazione al golpe militare, la crisi.

A Ipanema c’era un castello. O almeno così dicono.

Martha Batalha Autrice

Martha Batalha è nata a Recife nel 1973 ed è cresciuta a Rio de Janiero. Ha lavorato per importanti giornali brasiliani e ha fondato la casa editrice Desiderata. Nel 2008 si è trasferita a New York, dove ha conseguito un master in Publishing alla New York University e ha lavorato in editoria.

Dal suo romanzo d’esordio, Eurídice Gusmão che sognava la rivoluzione (Feltrinelli, 2016), in corso di pubblicazione in venti paesi, finalista al premio São Paulo di Letteratura e semifinalista all’Oceanos, è tratto il film vincitore al Festival di Cannes 2019 nella sezione “Un certain regard”, per la regia di Karim Aïnouz. Ancora per Feltrinelli, Il castello di Ipanema (2019). Vive a Santa Monica, in California, con il marito e i due figli.

Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *