Recensione “Tiger Blues” di Jimi B. Jones

Tiger Blues è una storia sorprendente. Inizia silente, quasi stride con l’idea della cover, poi esplode in tutto il suo significato.

In Tiger Blues, Jimi B. Jones fa una magia. Utilizza la voce di una tigre per riconoscere tutto quello che di più basso c’è nell’animo umano e, al contempo, analizza il vero valore della libertà, della fratellanza, dell’uguaglianza.

Jim Beam è una tigre, anche se non una tigre qualsiasi. Vive a Cottonfarm, precisamente vicino a Lovelock. Fin da piccolo sua madre gli ha insegnato a fare bene, a obbedire, a dare il massimo, perché così si richiede nel posto dove vivono, così ci si assicura un pasto e tutti i confort.

Axl è un ragazzino e l’addestratore di Jim Beam, che però si affeziona a quella bestia, che ne scopre una capacità fuori dal comune, insieme a una forza e a un’ostinazione davvero sorprendente. Finiscono per diventare amici, al di là degli interessi del padre di Axl, perché al di là di tutto c’è solo la voglia di fare insieme qualcosa di speciale e Jim Beam diventerà presto una tigre da social, una star da milioni di follower.

Il romanzo è diviso in quattro parti: acqua, fuoco, terra, aria. Sono passaggi della vita, ostacoli e conquiste. L’autore coinvolge il lettore in tutte le cadute e i salti di questa tigre speciale a cui fa incontrare la gioia, la notorietà, la delusione, la verità e infine l’agognata vera libertà.

Permette a questo animale, protagonista di una gloriosa metafora di vita, di interrogarsi su cosa sia essere liberi, sulle illusioni continue che la società usa a suo vantaggio per farci credere di esserlo. La tigre cresce, corre, salta, cade, soffre, esattamente come è il percorso di vita di ogni essere vivente che cerca costantemente di tornare a “casa”.

Con un palcoscenico emozionante e ricco di personaggi animali e umani, Tiger Blues racconta il mondo di oggi, fatto spesso di soldi e potere, visto dall’innocente occhio di un animale alla ricerca di se stesso e di quella felicità modesta tipica degli animali, a cui basta correre liberi per sentirsi a casa.

Per riprendere un discorso fatto da Sally Love a Jim Beam: dobbiamo smetterla di dimenticarci chi siamo solo per piacere agli altri, perché finiremo per metterci in gabbia da soli.

(la Books Hunter Jessica)

tiger blues di jimi b. jones

Titolo: Tiger Blues
Autore: Jimi B. Jones
Editore: Watson Edizioni
Genere: Romanzo
Cartaceo: € 15,00
Pagine: 166
Uscita: 19 ottobre 2018

Jim Beam aveva un fratello, una sorella e una madre. Del padre non seppe mai niente. La mamma era seria, preoccupata, sempre nervosa.

Aveva paura e non si riposava mai: aveva paura di non riuscire a mantenere i propri figli, aveva paura che uno di loro si ammalasse. Aveva paura di un sacco di cose.
Invece Jim non aveva paura di niente, tranne della noia. Abitavano appena fuori Lovelock, in un posto che si chiamava Cottonfarm.

Le vicende partono da quando Jim era piccolo, viveva in un recinto e passava il tempo giocando con i fratelli; prosegue con l’incontro che gli cambierà la vita e la nascita di un’amicizia decisamente fuori dal comune, così come fuori dal comune è lui, in tutto quello che riesce a fare.

Axl è il figlio adolescente del proprietario di Cottonfarm, un allevamento di tigri nei dintorni di Lovelock, in Nevada, e Jim è una tigre. Axl e Jim cresceranno insieme uniti da un legame che riuscirà ad andare oltre le diversità tra la razza umana del primo e quella felina del secondo.

Tiger Blues - Jimi B. Jones autore

Jimi B. Jones è nato negli anni settanta. Vive a Bologna, ama la buona musica, il rugby e le belle storie. Si diverte molto a suonare la chitarra e il violino ma è allergico agli spartiti e al metronomo. Si nasconde benissimo tra la folla, ma se vedrete un tizio dormire a un concerto di musica classica, mangiare patatine a un vernissage, leggere un testo di filosofia in una sala da biliardo, allora l’avete trovato.

Leggi anche la nostra Recensione di “La vita sociale delle sagome di cartone” di Fulvio Gatti.

Please follow and like us:

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *