Io sono Ava, di Erin Stewart

La stampa e i lettori lo hanno definito “Il nuovo Wonder“: a febbraio in arrivo in libreria Io sono Ava di Erin Stewart.

Il 13 febbraio 2020 uscirà in libreria, per Garzanti, Io sono Ava, di Erin Stewart. Un romanzo toccante, commuovente, pieno di speranza e di coraggio, di amore per la vita. Una storia nata dall’incontro dell’autrice con un bambino rimasto orfano in un incendio, che lo ha segnato nel corpo e nell’anima. Un’amicizia forte, che riempie il vuoto del cuore.

Io sono Ava - Cover

Titolo: Io sono Ava
Autore: Erin Stewart
Editore: Garzanti
Pagine: 336
Prezzo di copertina: € 14,00
Uscita: 13 febbraio 2020
ISBN: 9788811607175

L’importante è sentirsi unici.

Ava era mille cose. Era una ragazza che adorava cantare. Era una ragazza con tanti amici. Ora è solo la ragazza con le cicatrici. È passato un anno dall’incendio in cui ha perso i genitori. Un anno in cui Ava ha tagliato i ponti con il mondo perché le fa troppa paura. Ora è costretta a tornare a scuola. Una scuola nuova dove non conosce nessuno. Una scuola che – ne è sicura – sarà piena di ragazzi che non faranno altro che osservare il suo viso per poi allontanarsi spaventati.

Chi vorrebbe mai fare amicizia con lei? Quali nuovi modi di prenderla in giro si inventeranno i suoi compagni?

Non appena si avventura in quei corridoi i suoi incubi si avverano: non incrocia nessuno sguardo e, al suo passaggio, sente solo sussurri. Fino a quando i suoi occhi non incontrano quelli di Asad e Piper, gli unici ad avere il coraggio di andare oltre il suo aspetto. Di vedere la vera Ava dietro le cicatrici. Perché anche loro si sentono soli e incompresi. La loro amicizia la aiuterà a ricominciare. Le farà capire che nessuno è diverso, ma ognuno è unico così come è.

Perché ho scritto Io sono Ava

Niente come la presenza degli altri può guarirci dalle ferite. Questa potente verità mi è stata insegnata da Marius, un bambino di otto anni. Quando ho incontro Marius per la prima volta, più di dieci anni fa, sapevo che aveva perso entrambi i genitori in un incendio che lo aveva lasciato gravemente ustionato. Mi aspettavo di incontrare una vittima. Sapevo che le sue cicatrici spesso attiravano gli sguardi degli estranei e che erano causa di innumerevoli e crudeli prese in giro da parte dei suoi coetanei. Poteva essere solo colmo di rabbia.
Invece, ho incontrato un bambino sorridente, vivace. Mentre la nostra amicizia si è consolidata negli anni, lo spirito di Marius ha continuato a ispirarmi e sorprendermi: come è possibile trovare così tanta forza di fronte a così tanto dolore?
La risposta per Marius è molto semplice: «Non l’ho fatto da solo». Quando voleva arrendersi, c’era sempre qualcuno con lui. Un amico. Qualcuno che lo ha aiutato a scegliere di vivere.
Spero che, nella storia di Ava, anche tu riesca a trovare un po’ di quella speranza e quella resilienza che io ho visto in Marius.

Erin Stewart è cresciuta nei boschi della Virginia, circondata da lucciole. Dopo una laurea in giornalismo alla Northwestern University è diventata scrittrice ed editor freelance. Vive con il marito e i figli nello Utah.

Please follow and like us:
Tweet 20

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *