Gennaio: segnalazioni letterarie. 6 libri tra cui scegliere la vostra prossima lettura

Segnalazioni letterarie di gennaio: 6 libri da leggere fra romanzi, thriller, biografie, graphic novel e saggi.

Se siete in cerca di una nuova storia in cui immergervi, ecco le nostre segnalazioni letterarie di gennaio.


Segnalazioni letterarie di gennaio - oltremare

Titolo: Oltremare
Autore: Andrea Zanchetta
Editore: Bookabook
Genere: Romanzo
Cartaceo: € 14,00 / Ebook: € 5,99
Pagine: 223
Uscita: 14 novembre 2019

Un rituale oscuro e inquietante incombe su tutti gli abitanti dell’Isola. Nina ne è la sacerdotessa ed è anche l’unica a conoscere il vero motivo dei sacrifici che si ripetono puntuali. Ogni anno, durante la notte di Ognissanti, tre Gorgoni affidano un’offerta a un Mare dalle caratteristiche soprannaturali, lasciando che la risacca la porti via.

Fra sensi di colpa, rancori e traumi, oscuri segreti vengono alla luce stravolgendo le vite di Enya, Dylan, Alyssa, Morgan e degli altri isolani. L’inaspettato ritorno di chi ormai si credeva morto da tempo farà precipitare gli eventi, svelando il vero nemico che Nina ha combattuto in segreto per anni, in una guerra di cui solo il Mare può decretare i vincitori.

Oltremare è il secondo volume della Trilogia dell’Acqua.


Segnalazioni letterarie di gennaio -Aurora Adorno

Titolo: Francesco Adoro – Un filosofo a Firenze
Autrice: Aurora Adorno
Editore: Diogene Multimedia
Genere: Biografia, storia
Cartaceo: € 18,00
Pagine: 248
Uscita: 26 settembre 2019

Tra romanzo e mémoire, il libro pare un film già scritto sullo sfondo principe della Toscana, e di una Firenze sospesa e bella, una città impolverata, luminosa, infangata, culla di cultura e civiltà, fulcro del pensiero libero di Adorno e del suo amore per Luciana.

Due vite quella di Luciana e Francesco che diventano una, in un transfert continuo di memorie, di saperi, di privato che diviene pubblico, come se i due protagonisti si vedano e si riconoscano sempre come in uno specchio. La vita di un filosofo a Firenze, letta attraverso gli occhi di Luciana, sua moglie.


Segnalazioni letterarie di gennaio

Titolo: Killer loop’s #1
Autore: Stefano Labbia
Editore: LFA Publisher
Genere: Graphic novel
Cartaceo: € 7,40
Pagine: 54
Uscita: 10 dicembre 2019

È un mondo duro, quello di Killer Loop’S. Dominato da un oscuro sindacato senza scrupoli che tesse trame e violenta il pianeta perseguendo i propri malati scopi. Kimberly – Stuart Whitman – non è un eroe ma un killer prezzolato dalla lingua lunga che si ritroverà, dopo anni di distanza, di nuovo a confrontarsi con Pauraz (e con i suoi spietati assassini) a cui ha pestato i piedi stavolta più o meno volontariamente.

Nel cuore di Kimberly infatti, il senso di inquietudine per una società sempre più votata al denaro e alla violenza è sempre più forte. Pur essendo diventato anni prima, proprio per mano di Pauraz, un esponente di questo folle circolo di morte…


Ana Jhons

Titolo: La donna dal kimono bianco
Autrice: Ana Johns
Editore: tre60
Genere: Romanzo
Cartaceo: € 16,00 / Ebook: € 7,99
Pagine: 352
Uscita: 9 gennaio 2020

Giappone, 1957. Il matrimonio combinato della diciassetten­ne Naoko Nakamura con il figlio del socio di suo padre garan­tirebbe alla ragazza una posizione sociale di prestigio. Naoko, però, si è innamorata dell’uomo sbagliato: è un marinaio americano, quello che in Giappone vie­ne definito un gaijin, uno straniero.

Quando la ragazza scopre di essere incinta, la comprensione e l’affetto che sperava di trovare nei genitori si rivelano soltanto un’illusione. Ripudiata da chi dovrebbe starle vicino, Naoko sarà costretta a compiere scelte inimmaginabili, per qualunque donna ma soprattutto per una madre…

Stati Uniti, oggi. Tori Kovač è una giornalista. Men­tre si prende cura del padre, anziano e gravemente malato, trova una lettera che getta una luce sconvolgente sul passato della sua famiglia. Alla morte del padre, decisa a scoprire la verità, Tori intraprende un viaggio che la porta dall’altra parte del mondo, in un villaggio sulla costa giapponese. In quel luogo così remoto sarà costretta a fronteggiare i demoni del suo passato, ma anche a riscoprire le proprie radici…


Luca D'Andrea

Titolo: L’animale più pericoloso
Autore: Luca D’Andrea
Editore: Einaudi
Genere: Thriller
Cartaceo: € 17,50 / Ebook: € 9,99
Pagine: 232
Uscita: 14 gennaio 2020

Dora Holler ha tredici anni e le idee chiare su ciò che non va nel mondo. Adesso si è data una missione: salvare il nido di una lince. Perciò scappa di casa con Gert, uno che ha conosciuto su Internet. Solo che Gert è un adulto e, soprattutto, il movimento ecologista di cui dice di far parte non esiste. Gert le ha mentito; mente sempre, perfino a sé stesso.

Una fuga che doveva essere un viaggio iniziatico si trasforma in un incubo, impigliandosi nelle maglie di un disegno spaventoso che parte da molto lontano. La ricerca di Dora scatena volontari armati di fucile, teste calde e lotte di potere.

Per salvarla serve qualcuno che ha conosciuto da vicino l’essenza più pura dell’orrore, un uomo «secco come un colpo di manganello e dallo sguardo come filo spinato». Il capitano dei carabinieri Viktor Martini, quello che in un’altra vita, a Roma, ha catturato lo Squartatore di Testaccio. E da allora non è più lo stesso.


Segnalazioni letterarie di gennaio - Loredana Ciafani

Titolo: Fantastica Radio
Autrice: Loredana Ciafani
Editore: Streetlib
Genere: Saggi, scienze sociali
Cartaceo: € 9,99
Pagine: 80
Uscita: 20 ottobre 2017

La scoperta della potenzialità della radio nella diffusione delle idee da parte del regime fascista ,ne ha decretato lo sviluppo,ed in seguito nel 1976 quando la nascita delle emittenti libere ha messo fine al monopolio della RAI.

Erano gli anni della rivoluzione ideologica, ed i giovani cercavano nuovi spazi per la libertà di espressione, la radio è stato un grande mezzo di conquista, attraverso l’etere, hanno dato la ” parola” alle loro realtà locali dai microfoni delle emittenti libere.
Definiti dalla legge “Pirati” furono poi “Pionieri” dell’Etere”, grazie alla sentenza n. 202 della Corte Costituzionale del 28 luglio 1976 la quale fece uscire dalla clandestinità molte radio libere sperimentali che già trasmettevano.

La radio adesso si è spostata nel web, sono sorte infatti numerose web radio, e le emittenti che trasmettevano in F.M., soprattutto quelle locali, molte si sono “spente”, tra le cause della chiusura ,i costi elevati di gestione e la crisi che ha investito tutto il sistema.


Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi