Recensione “Arcobaligia” di Giovanni Coccia

Giovanni Coccia, con le preziose illustrazioni di Marco Cerminara, racconta una storia così delicata e bella, da essere un faro in questo nostro reale periodo di difficoltà.

Giovanni Coccia grazie ad Arcobaligia, regala al lettore più piccolo, suscitando lo stesso interesse anche in quello più adulto, un insegnamento importante: continuare a sperare.

Questo librino, una piccola perla fra le perle, arriva al momento giusto. Racconta la storia di Arturo, che a otto anni è costretto a vivere sempre chiuso in casa a causa di una pioggia e un grigiore incessanti. Tutti i colori della città in cui vive, sono stati mangiati dai Tempestiferi e Ombrellintesta, colui a cui è dovuto quel mondo così triste, sembra regnare indisturbato, ma guardingo, su tutte le persone.

Per Arturo i colori sono solo un racconto, una magica filastrocca. Finché un giorno non troverà delle matite colorate e allora…

E allora dovrete scoprire voi cosa accadrà, perché seppur breve questa storia in questi giorni in cui siamo confinati in casa, ci ricorda gli arcobaleni e i “Tutto andrà bene”. Tornerà il sereno ad Arcobaligia? Torneranno a scorrere i colori sui muri delle case e negli occhi delle persone?

Giovanni Coccia, arriva con particolare puntualità nella mia vita di lettrice. Un librino che mi ha conquistata. Bello da leggere e da vedere. Un messaggio così attuale e ricco di speranza. Leggetelo ai vostri bambini; leggetelo a voi stessi. I colori tornano sempre.

(la Books Hunter Jessica)

Giovanni Coccia - Arcobaligia Libro

Titolo: Arcobaligia
Autore: Giovanni Coccia
Illustrazioni: Marco Cerminara
Editore: Edizioni Piuma
Genere: Bambini e Ragazzi
Cartaceo: € 15,00
Pagine: 52
Uscita: 6 febbraio 2020
Età di lettura: dai 7 anni

Arturo ha otto anni e vive con sua nonna ad Arcobaligia, una città maledetta in cui piove sempre e i colori sono scomparsi. Un ombrello magico sovrasta la città impedendo al sole di filtrare. Le strade sono pattugliate dai Tempestiferi, mostriciattoli ghiotti di vernici, pronti a sabotare qualsiasi tentativo di ridare colore alla città. A capeggiarli c’è Ombrellintesta, l’artefice della maledizione.

Arturo combatte la monotonia delle giornate disegnando; guarda fuori dalla finestra e fantastica sull’esistenza dei colori. Ad alimentare i suoi sogni sono anche le filastrocche della nonna, che rievoca un passato fatto di tiepide primavere e biciclettate.

Una notte, in cantina, Arturo si imbatterà nella vecchia scatola di matite colorate della nonna, miracolosamente scampate alle perquisizioni dei Tempestiferi. Da quest’incontro nascerà un viaggio sui tetti di Arcobaligia che cambierà per sempre Arturo e la sua città.

Giovanni Coccia - autore

Giovanni Coccia, 23 anni di Milano, scrive racconti per bambini, albi illustrati, filastrocche. Disegna faccine morbide che stringono in mano palloncini rosa o faccione bavose e ripugnanti, a seconda delle occasioni. Accanto alla sua poltrona? Roal Dahl e Rodari.


Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi