Recensione “La rotta delle nuvole. Piccole bussole per sognatori testardi” di Peppe Millanta

Dopo il grande successo del romanzo Vinpeel degli orizzonti, Peppe Millanta torna con una nuova, strepitosa, prova letteraria: La rotta delle nuvole. Piccole bussole per sognatori testardi, un gioiello per la collana “Piccola filosofia di viaggio” di Ediciclo edizioni.

Peppe Millanta è un narratore di bellezza. Un poeta della magia. Devo pensarci su ancora un po’ prima di decidere quale tra le due definizioni sia più appropriata, ma sento di propendere per la seconda. A ogni buon conto, qui tocca usare una metafora per definire lui e questo suo libro, perché il nome giusto, ancora non c’è (relativamente al suo scritto, l’autore lo collocherebbe nel genere delle tergiversazioni. Ma secondo me è riduttivo).

Peccato non poter scomodare Luke Howard, il Namer of Clouds, colui che ha dato un nome alle nuvole. Certo, mica lo ha fatto a cuor leggero (se volete scoprire come, leggete questo libro), ma lui, dopo lunga e attenta osservazione, avrebbe trovato un nome adatto a questo libro, che io, da persona  semplice quale mi reputo, mi sento di definire meraviglioso, incantevole (peraltro sapendo di non rendergli giustizia come meriterebbe). Sì è vero, il signor Howard era un uomo di scienza, ma con una sensibilità acuta verso la bellezza, quindi avrebbe potuto aiutarmi in questa impresa.

Questo libro è un viaggio. Per dove, non ha importanza.

Ciò che conta è abbandonarsi al soffio del vento e vedere dove ci porterà. Come fanno le nuvole. Non saremo mai nello stesso posto, non saremo mai uguali a noi stessi. Ci sposteremo, cambieremo. Incontreremo altre vite lungo le nostre rotte, alle quali forse ci agganceremo oppure no. Il segreto è lasciarsi andare, accettare e accogliere il cambiamento, per riempirci di vita. Le nuvole sono grandi maestre in questo, e in molto altro.

Ma quando abbiamo imparato dalle nuvole siamo diventati poeti, capaci del pensiero metaforico. Siamo figli delle nuvole.

Esse ci insegnano la libertà, ossia la spinta propulsiva ad andare oltre. Oltre nel suo valore più assoluto. Osservandole dal punto di vista più sensibile della nostra anima (ognuno ha il suo, personalissimo), potremmo sintonizzarci sulle loro rotte: quella del Tempo, per apprenderne la costanza e divenire noi stessi dei veri e propri testardi del sogno; quella dello Sguardo, per praticare il distacco; quella del Nome, per assorbire la creatività (delle altre vi ho già parlato, senza nominarle. L’ultima, è una sorpresa che l’autore riserva alla fine del libro).

Le nuvole non hanno una forma, eppure contengono tutte le forme del mondo.

Peppe Millanta, con questo scritto, ci regala un pezzo della sua anima, che il lettore assimila in una dimensione che oscilla tra sogno e realtà, restando irrimediabilmente affascinato dalla bellezza dei concetti e delle parole che li esprimono.

Ci sono brani che potremmo considerare poesie, talmente sono pieni di splendore e incanto.  Una lettura profonda, che tocca tutte le corde dell’essere di una persona.  Riflessioni che ci arrivano come fossero portate dal vento, come le nuvole. Come solo Peppe Millanta avrebbe saputo fare. Ma del resto, ci si poteva aspettare di meno, da una persona che misura la tristezza in chilometri?

Ah, un ultima considerazione (altrimenti andrei avanti ore a scrivere): h0 letto il libro in ebook, ma domani andrò a comprare il cartaceo, perché lo dovrò riempire di orecchie sulle pagine che contengono i passi che più mi sono arrivati dentro. Lo so, molti di voi pensano che non si debbano fare le orecchie, e io potrei risultare una persona orribile. Ma so che le farete anche voi su questo libro, andando contro a ogni vostro ideale. Perché la verità è che questo testo è capace di sconvolgerci. Ogni sera leggerò una di queste frasi, prima di addormentarmi, e questo mi garantirà dei sogni meravigliosi.  

(La Books Hunter Barbara)

La rotta delle nuvole - cover

Titolo: La rotta delle nuvole. Piccole bussole per sognatori testardi
Autore: Peppe Millanta
Editore: Ediciclo
Pagine: 94
Prezzo di copertina: € 9,50
Uscita: 27 febbraio 2020
ISBN: 9788865493144

La collana «Piccola filosofia di viaggio» invita Peppe Millanta, scrittore, sceneggiatore e musicista, a portarci con sé lungo la rotta delle nuvole per imparare da loro la capacità di sentirci liberi di oltrepassare la linea dei nostri orizzonti, la costanza per portare avanti i nostri sogni, l’esercizio del distacco o la creatività, essenziale nell’allestire il paesaggio della nostra immaginazione.

Peppe Millanta - biografia

Peppe Millanta, pseudonimo nato per mascherare le attività eversive durante la sua doppia vita ai tempi dell’Università a Roma (Studente di giorno, perditempo di notte), è un musicista di strada. Si vanta di aver avuto la carriera di avvocato più rapida della storia: 12 ore appena, giusto il tempo di abilitarsi, farsi le foto di rito e cancellarsi dall’Albo l’indomani mattina.

Lasciata la carriera da avvocato si è diplomato in Drammaturgia e Sceneggiatura all’Accademia Nazionale Silvio d’Amico.
Vincitore di numerosi premi di narrativa e di teatro, nel 2013 fonda la band di world music “Peppe Millanta & Balkan Bistrò”, con cui si esibisce in numerosi festival in tutta Italia. Nel 2017 fonda a Pescara la “Scuola Macondo – l’Officina delle Storie”, dedicata alle arti narrative. Vinpeel degli orizzonti (Neo Edizioni 2018) è il suo primo romanzo. Nel 2020 esce per Edicilo La rotta delle nuvole.

Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *