Le nuove parole della lingua italiana, dal Devoto-Oli 2021

Devoto-Oli 2021: seicento nuove parole che ormai fanno parte del nostro slang. E le rubriche anti-strafalcioni.

Partiamo subito con una raffica di nuove parole, di fatto già entrate nella nostra lingua parlata e scritta, e che adesso trovano posto nell’ufficialità di uno dei dizionari più autorevoli:

climaticida, denatalista, dublinante, immigrazionismo, parlamentizzare, MES, bull market, bear market, tassa digitale, ecotassa, microfinanza, micromanager.

E poi: infodemia, contact tracing, deepfake, cucinata, upcycling, carbon neutral.
Fortunatamente ce ne sono anche di carine e leggere: sbarazzo, sbrilluccicare, scaffalista, aquapole, aperisushi, fooding, dorayaki.

Ancora qualcuna?
Covid-19, lockdown, distanziamento sociale, spillover, droplet, autoquarantena, quarantenare, tamponare, biocontenimento, cisgender.
Basta, non possiamo mica svelarle tutte!

PRONTO SOCCORSO LINGUISTICO:

Nel Devoto-Oli 2021, la nuova sezione Per dirlo in italiano.
Un prodotto con un grande appeal sul pubblico = un prodotto di grande richiamo per il pubblico.
L’accessorio è un must della stagione = l’accessorio imperdibile della stagione.
Terranno un workshop di ricamo = terranno un laboratorio di ricamo.
Cerco una location per la mia festa di compleanno = cerco un posto per la mia festa di compleanno.

Ma non finisce qui: Questione di stile offre consigli per evitare gli strafalcioni. Ad esempio quelli dei verbi transitivi:
Sorprende il ladro in casa e lo spara anziché Sorprende il ladro in casa e gli spara.
È stato sparato anziché Gli hanno sparato.
Esci il cane anziché Porta fuori il cane.
Sali le valigie anziché porta su le valigie.
Siedi il bambino anziché metti seduto il bambino.

Va beh, CIAONE. Ah già, non ve lo abbiamo detto: anche ciaone è nel nuovo Devoto-Oli 2021.


Please follow and like us:
Tweet 187

Commenti Facebook

Rispondi